MENU
Riflessioni di Fabio Galeotti
Riflessioni trae spunto da Automat (1927) di Edward Hopper. Galeotti, con una accurata ricostruzione d’ambiente, anima con dei video i personaggi che popolano la scena.
Fabio Galeotti
11 December 2021
08:00 – 20:00
Nei canali social del museo sarà caricato "Riflessione", installazione video presentata assieme ad altre 5 nei suggestivi spazi sotterranei di Palazzo Ducale. Sarà così possibile partecipare da remoto all'evento espositivo.
Descrizione

Fabio Galeotti
approfondimento sull’opera
Riflessioni
a cura di
Lorenzo Fiorucci

Palazzo Ducale di Gubbio, grazie alla direzione di Paola Mercurelli Salari, è da anni impegnato nella promozione dell’arte contemporanea e parteciperà ad AMACI presentando una delle opere esposte nella mostra di Fabio Galeotti “Meditazioni visive” a cura di Lorenzo Fiorucci.
L’opera è “Riflessioni” e trae spunto da Automat (1927) uno dei capolavori dell’artista americano Edward Hopper. Fabio Galeotti ha da anni intrapreso una ricerca che intende animare, attraverso una meticolosa ricostruzione della scena, opere del passato, animando con una ripresa video i personaggi che popolano i vari dipinti. In questo caso la giovane ragazza che nel 1927 impressionò il pittore americano ha ritrovato un nuovo corpo con il quale Galeotti ha immaginato di scrutarne i pensieri nei brevi movimenti che la catturano nel mentre sorseggia una tazza di caffè. Momenti che si dilatano, appositamente rallentati dall’artista, che ci consentono di vivere una narrazione nuova in cui la il personaggio e il suo riflesso si confondono in un ribaltamento di ruoli inatteso e sorprendente. Per l’occasione l’opera sarà presentata in forma completa corredata della musica appositamente composta dall’pianista compositore Arturo Stalteri, voce note di Radio Rai 3.

Biografia
Fabio Galeotti (Città di Castello 1968) Collabora come light designer da 20 anni con la Rievocazione Storica della Sacra Spina di Montone e con l’accademia dei Riuniti di Umbertide.
Dal 1999 cura gli allestimenti e il disegno Luci degli spettacoli del Gruppo di teatro “Il
Castellaccio”. Nel 2000 diventa presidente dell’Associazione Culturale Duncan Ballet proponendo sue ideazioni e curando la regia degli spettacoli “Naviganti che non conoscono mare”, “C’è molto che può diventare materia”, “Disordine apparente – 5” di visione” oltre al disegno Luci. Collabora dal 2001 al 2003 con Iterdanza Festival curando l’allestimento illuminotecnico che ospita tutti gli anni all’Auditorium San Domenico di Foligno oltre 40 scuole di danza. Collabora con Percussionistica World Rhythm Festival curando l’illuminazione dei concerti nei teatri umbri.
Dal 2002 al 2016 esegue disegni luci degli spettacoli al Palio di San Michele di Bastia Umbra.
Nel febbraio 2008 allestisce una installazione luminosa dal titolo “Un sole dentro” presso
l’auditorium San Fedele di Montone (PG). Dal 2011 affianca all’attività di Ligh designer attività di videoarte ricostruendo minuziosamente opere della grande tradizione pittorica.
Dal 2013 al 2017 è direttore tecnico della rassegna di danza Raccordi Contemporary Dance.
Dal 2014 al 2018 è lighting designer stabile della compagnia di danza Innprogress Collective diretta dal coreografo Afshin Varjavandi.


Fabio Galeotti: Meditazioni visive
A cura di Lorenzo Fiorucci
Gubbio, Palazzo Ducale

Direzione Regionale Musei Umbria - Palazzo Ducale di Gubbio
View on map
Via della Cattedrale 1, 06124, Gubbio, PG, Italy