Maestro e allievo, Mauro De Carli (1944-2008) e Piermario Dorigatti (1954) sono i protagonisti di un dialogo tra scultura e pittura che mette in luce gli elementi di continuità e le differenze nell'opera dei due artisti trentini. A loro è dedicata una mostra di approfondimento che conferma l’impegno della Galleria Civica a documentare e promuovere le eccellenze del territorio all’interno di un programma espositivo incentrato sui linguaggi della contemporaneità.   

De Carli frequenta all'Accademia di Brera i corsi di uno dei più importanti scultori italiani del Novecento, Marino Marini. Incentrata sulla figura umana, intrisa della lezione dei grandi maestri moderni e contemporanei da Auguste Rodin ad Alberto Giacometti, la sua opera può essere considerata una sintesi fra scultura, pittura e disegno.
Nel suo studio si forma Dorigatti, classe 1954, che negli anni Novanta si diploma in pittura presso la stessa accademia: un "pittore-pittore" le cui opere appaiono caratterizzate dall’importanza del segno e della materia cromatica.

È nel filo conduttore che lega la scultura di Mauro De Carli alla pittura di Piermario Dorigatti che la mostra trova la trama del proprio racconto. L'opera del maestro è rappresentata da una selezione di lavori realizzati in gesso, bronzo e cemento tra gli anni Settanta e i primi Duemila. Di Dorigatti vengono esposti dipinti eseguiti perlopiù nell’ultimo anno appositamente per la mostra.

 

Galleria Civica, Trento e ADAC
Via Belenzani, 44
38122 Trento
T. +39 0461 985511
civica@mart.tn.it
www.mart.trento.it