MENU
Effimero
di CRISA, a Cura di Efisio Carbone, Direttore del Museo MACC di Calasetta
CRISA, Effimero, 2021 (installation view)
11 dicembre 2021
11:00 – 19:00
Aperti dalle 11 alle 13, e dalle 17 alle 19
Descrizione

Galleria Macca è lieta di presentare Effimero, progetto site-specific di CRISA (Cagliari, 1984), a cura di Efisio Carbone, Direttore Artistico del Museo MACC di Calasetta. Per la GdC17 sono in programma 2 visite guidate in presenza dell’artista, alle ore 12 e alle ore 18.
Nel rispetto delle disposizioni anti COVID-19 l’accesso sarà consentito ai possessori di Green Pass provvisto di QR Code (o prova di vaccinazione; sono esclusi i minori fino ai 12 anni, e gli esenti con certificazione medica specifica); per evitare assembramenti l’ingresso sarà contingentato, ed è perciò fortemente consigliata la prenotazione a info@galleriamacca.com



Effimero

Federico Carta, in arte CRISA, è sicuramente uno degli artisti contemporanei più conosciuti in Sardegna, ma la sua ricerca, grazie anche ad importanti residenze internazionali, è presente ed apprezzata ormai in molte parti del mondo. La dimensione della sua poetica si è sempre mossa tra astrazione e figurazione, sulle superfici fatiscenti di architetture periferiche, su materiali effimeri e di fortuna, ma anche su carta, tele e, recentemente, lastre di terracotta o ceramica modellata.

Sicuramente CRISA è mosso dall'urgenza creativa che lo esorta a non badare al medium. Per lui la fragilità del supporto diviene spesso metafora, essa stessa, di un equilibrio precario uomo-natura, e del hic et nunc, contrapposto alla forma mortifera e barocca dell'effimero.

La naturale evoluzione delle giungle urbane - e suburbane - che aprivano improvvisi mondi autocritici tra gli spazi abitati, sembra quella di una riflessione più complessa su contenitore e contenuto. Sono valutazioni multidimensionali che CRISA ha sempre mostrato fin dalle prime balene fluttuanti su muri diroccati e fatiscenti, che ora approdano ad un'interpretazione del frammento e della lacuna in chiave brandiana: non costituiscono, ossia, frantumazione dell'immagine o assenza di sue parti, ma una raggiunta e piena autonomia estetica.

Su questi lacerti contemporanei grava il peso della Storia umana, con le sue sconfitte e lezioni raramente ascoltate. Oggi il mondo fa i conti con un clima impazzito e l'ansia di prossime catastrofi. Un pianeta in frantumi, dal disastroso destino, su cui disegnare nuove geografie.

[Efisio Carbone]



BIO

Federico Carta, in arte CRISA (Cagliari, 1984; vive e lavora a Cagliari). Autodidatta, sperimentatore di tecniche e materiali, ha sviluppato uno stile personale di ricerca e di espressione. La sua arte si radica nella città, lungo le strade con i graffiti dalla fine degli anni 90. Ha realizzato numerosi murales per spazi pubblici in Europa, Messico, Brasile, e nel Sud Est Asiatico dove, nel 2019, ha realizzato il progetto 'Tracce', tra la Thailandia, il Laos e il Vietnam. Nel 2020 ha partecipato alla collettiva A.D.STANZA alla Galleria Macca (Cagliari), e ha esposto al Museo Nivola (Orani).

Via Lamarmora 136, 09124, Cagliari, CA, Italy