MENU
Open21
Un reticolo organico cerca di trattenere in ogni modo l’ultimo fotogramma di memoria residua.
Giuseppe Mirigliano, vista installazione Sp21, 2020, foto giuseppe Mirigliano.
11 dicembre 2021
16:00 – 22:00
Descrizione

In occasione della diciassettesima Giornata del Contemporaneo promossa da AMACI, gli artisti Giuseppe Mirigliano e Anto Milotta aprono le porte del loro studio per presentare al pubblico alcune delle loro ultime produzioni e ricerche.
Lo studio ubicato all’interno del cosiddetto palazzaccio - architettura modernista innestata nello skyline medievale del Porto Antico di Genova -, situato in uno dei quartieri più multiculturali della città e che offre uno sguardo privilegiato su uno dei porti più importanti del mediterraneo, diventa non solo un contenitore di produzione artistica, ma anche uno luogo simbolico di confronto e dialogo.

Nello specifico Giuseppe Mirigliano presenterà alcuni lavori, che proseguono la lunga ricerca pittorica, portata avanti anche durante la residenza in Viafarini a Milano nel 2019, e implementata negli ultimi anni attraverso l’uso di diversi medium come il suono, il video e la poesia.
Le opere proposte vogliono essere un’occasione per riflettere sul significato e sul ruolo del fare pittura oggi; di una visione che è sospesa nello scorrere del mondo.
Provare ad interrogare, attraverso un’indagine stratificata del mezzo pittorico e della poesia, alcune urgenze della nostra contemporaneità. Campi e insiemi aperti di possibilità, in cui provare ad esprimere l’estrema fragilità del presente, cercando tuttavia di far percepire l’equilibrio e l’energia essenziale della realtà.

Anto Milotta presenta invece alcuni frammenti del suo ultimo progetto #IORESTOACASA, creato in collaborazione con l’artista Arianna Spanò. L'opera vincitrice del bando Cantica21, prodotta dal Ministero della Cultura e dal ministero degli Esteri, è entrata lo scorso agosto nella collezione permanente del Museo di Arte contemporanea di Villa Croce di Genova.
La video installazione, prodotta durante i lunghi mesi dell’emergenza sanitaria all’interno dello studio, viene per questa occasione esibita sotto forma di studi e frammenti. Attraverso la presentazione del girato grezzo del video in 8mm, di alcuni materiali d’archivio e di altri elementi visivi e sonori, l'idea è quella di rimettere in scena l’ambiente e la situazione che si era formata durante la lavorazione del progetto; nel tentativo di far emergere il lato intimo ed emotivo che ha contraddistinto tutte le fasi di creazione e finalizzazione del progetto.

Via Sottoripa 1A int.21, 16124, Genova, Genova, Italy