MENU
Canova tra innocenza e peccato
Antonio Canova, "Endimione dormiente" (dettaglio), 1819, gesso, Possagno, Museo Gypsotheca Antonio Canova
Mostra:
17 dicembre 2021 – 18 aprile 2022
mar, mer, gio, sab, dom: 10:00 – 18:00 ven: 10:00 – 21:00
Descrizione

In occasione del secondo centenario della morte dell'artista, il Mart celebra l'eredità di uno dei più importanti maestri della scultura di tutti i tempi: Antonio Canova (1757 - 1822). Una grande esposizione esplora l'attualità della sua opera nei linguaggi contemporanei, mettendo in luce nessi, dialoghi, continuità e contrapposizioni.
Con oltre 200 opere la mostra indaga come questa eredità abbia influenzato i linguaggi contemporanei, presentando alcune tra le più significative esperienze artistiche nel campo della fotografia e della scultura, alla ricerca di un ideale di bellezza che lungo il percorso espositivo trova declinazioni diverse: dall’imitazione alla celebrazione, fino alla messa in discussione e alla negazione.

In un allestimento nel quale predominano il bianco e il nero, il vero protagonista è il corpo. Se alcuni degli artisti in mostra scelgono di idealizzarlo o estetizzarlo, altri descrivono una bellezza anti-canonica e “anti-canoviana” che contempla e contiene il suo contrario. In entrambi i casi, il corpo è icona. La mostra si snoda in cinque sezioni nelle quali convivono opere di Canova e di artisti contemporanei.

 

Scopri di più

Corso Bettini 43, 38068, Rovereto, TN, Italia