LabBeroldo6

Ex fabbriche

LabBeroldo6

12/10/2019 - 12/10/2019 16:00 - 20:00

In occasione della Giornata del Contemporaneo di AMACI Paolo Sangalli apre il proprio atelier al pubblico e propone una selezione delle sue opere pittoriche.
Stampe fotografiche su tela, collage, pittura, manipolazioni concorrono ad evocare i paesaggi dominati in genere da tinte brune o ocra, con sprazzi di rosso, dove si intravedono o si intuiscono edifici o manufatti industriali (una ciminiera, un capannone, un trasformatore, un groviglio di tondini di metallo), qualche lettera, qualche cifra elementi chi giungono all’astrazione e all’informalità ma che non escludono mai la godibilità del segno e della composizione.
Dall’assedio della materia e dal gesto informale emergono quasi a fatica paesaggi che sono oltre che post-industriali, sono post-umani. La figurazione umana è del tutto assente; rimangono tracce di un suo passato, di una sua non scontata presenza, in macchine, costruzioni, oggetti di cui ormai si fatica a comprendere origine, funzioni, senso. Quello che c’è di più umano, il linguaggio, è disarticolato, frammentato in pochi segni ermetici (che spesso danno titolo alle opere) che non comunicano più nulla, se non l’impotenza a dare un senso compiuto al discorso.
Una dolorosa afasia delle immagini e dell’artista che pure ostinatamente comunica, al di là della suggestiva desolazione di un paesaggio disertato, l’insopprimibile, lirica nostalgia per un umanesimo perduto.

Per informazioni