Little Movements II: Self-practice in Contemporary Art

A cura di Liu Ding e Carol Yinghua Lu

29/06/2013 - 03/11/2013

Cosa significa fare arte oggi?
17 piccole grandi storie per raccontare un mondo dell’arte diverso.

La mostra proposta dai curatori ospiti 2013, Carol Yinghua Lu e Liu Ding, apre una riflessione a 360° gradi sulle diverse categorie del sistema arte: dagli artisti ai curatori, dagli editori fino ai critici.
In uno scenario in cui il numero di visitatori, la risposta del mercato e il successo mediatico diventano elementi sempre più importanti per la pratica artistica, la mostra presenta 17 esempi che invece si sottraggono a questo sistema e alla gerarchia di poteri consolidata. Le 17 “microstorie” si muovono nel tempo e nello spazio e sono raccontate in diverse stazioni con testimonianze audio e video, fotografie, modelli, documenti originali e opere d’arte.

L’esposizione a Museion è la prosecuzione delle ricerche presentate in “Little Movements”, mostra allestita nel 2011 presso l’OCT Contemporary Art Terminal (OCAT) di Shenzhen.
La mostra è accompagnata da un catalogo (dt/ita/eng) con saggi di Liu Ding, Carol Yinghua Lu, Su Wei, Hently Yapp, Letizia Ragaglia et al. edito da Walther König Verlag.

Le pratiche presentate da Little Movements II
Ai Weiwei e Black Cover Book, White Cover Book, e Grey Cover Book; Rasheed Araeen e The Third Text; Hans Belting e Global Art e the Museum; James Cahill e A Pure and Remote View: Visualizing Early Chinese Landscape Painting; Paul Chan e Calvin Tomkins on Marcel Duchamp; Chen Tong e the Borges Libreria Institute for Art; Luc Deleu e Vipcity; Geng Jianyi e 45 Degrees as a Reason, and Agreed to the Date 26 Nov. 1994 as a Reason; Han Dong e They; Jens Hoffmann e The Exhibitionist; Lu Yue and Mr. Zhao, The Obscure; Andre Malraux and Musée imaginaire; Hito Steyerl e The Empty Centre; Anton Vidokle and unitednationsplaza, e-flux; Wang Guangyi and Zhuhai Meeting; Igor Zabel and Individual Systems; Once is Nothing Little Movements: Self-practice in Contemporary Art in OCAT, Shenzen.

Little Movements II: Self-practice in Contemporary Art

Dal sistema dell’arte al sistema museo. La riflessione sul sistema arte, proposta dalla mostra, offre l’occasione per presentare il “sistema” museo e il suo funzionamento al pubblico: in quest’ottica, i collaboratori di Museion parlano ai visitatori delle loro professioni e del loro lavoro in una serie di incontri durante le visite gratuite del giovedì sera.

Museion si presenta

 

Cans in Frames

MurArte

11/07/2013 - 10/08/2013

 

Opening 11/07/2013
ore 14.00  Live-Graffiti-Painting & music
ore 18.00 Official opening con DJ set

Dal 2011 il progetto MurArte offre agli artisti dei graffiti e della street art la possibilità di intervenire legalmente con interventi artistici su alcune superfici murarie urbane.
Dall’11 luglio al 10 agosto, Museion ospita i giovani writers e le opere nate dalle loro bombolette spray. In diverse occasioni si potrà assistere dal vivo alla realizzazione di murales.

18/07/2013
ore 19.30, Breakdance
Una serata di sfide a passi di breakdance vi aspetta a Museion, per entusiasmarvi con la rivoluzionaria danza nata nel Bronx organizzata nell’ambito del Festival “Cans in Frames” di MurArte.

25/07/2013
ore 15.00, Graffiti & Street Art Workshop

Continua il festival MurArte del comune di Bolzano, con un workshop pomeridiano e serale aperto a tutti in cui gli artisti della street art incontrano i cittadini ed i turisti di Bolzano.

01/08/2013
ore 14.00, Live-Graffiti-Painting & music
ore 19.30, Aperitif & DJ set
Scopri dal vivo come nasce l’arte di strada. Prosegue il festival MurArte del comune di Bolzano e dell’associazione Volontarius con gli artisti di strada e i graffitari che si confrontano e creano opere in tempo reale. La musica continua anche la sera fino alle ore 22.00.

10/08/2013
Finissage “Framing the Can“

Cans in Frames è una collaborazione tra il Comune di Bolzano, l’associazione Volontarius e Museion.

Artiparlando con Florian Hufnagel

Che ci fa il design al museo?

13/06/2013 - 13/06/2013

artiparlando, il ciclo di conferenze nato dalla collaborazione tra la Libera Università di Bolzano (Facoltà di Design e Arti) e Museion giunge quest’anno alla tredicesima edizione. Negli anni gli incontri di artiparlando hanno ospitato relatori d’eccezione: dal fotografo Oliviero Toscani al filosofo Massimo Cacciari, dagli imprenditori Alberto Alessi e Reinhold Würth al critico Germano Celant fino all’artista Rudolf Stingel, e molti altri.

Il ciclo 2013, intitolato “Art / Design Practices 2013”, propone un’analisi sul sistema dell’arte e del design oggi, tra biennali, fiere e musei.
 

Che ci fa il design al museo?

Florian Hufnagl, direttore della “Neue Sammlung” di Monaco dal 1990, è una delle personalità più importanti nell’ambito del design a livello mondiale. Sotto la sua responsabilità vi sono, tra l’altro, le mostre di design della “Pinakothek der Moderne” di Monaco e del “Neues Museum für Kunst und Design” di Norimberga. Nel suo intervento a Museion, Hufnagl si confronta con temi e domande che emergono dalla sua esperienza alla guida del museo. I prodotti, la merce industriale di massa, i computer, le apparecchiature tecniche, le automobili possono magari essere esposti in un museo della tecnica… ma insieme alle opere d’arte? E l’artigianato artistico? L’arte applicata? Cosa hanno a che fare con il design o con l’arte? Bisogna conservare oggetti d’uso quotidiano in un museo? E cosa significa la globalizzazione per il design e l’integrazione del design nel museo?

 

www.die-neue-sammlung.de

 

Informazioni:
artiparlando con Florian Hufnagl
13/06/2013
ore 20.00
Museion Passage

 

 

 

Facciata mediale con Marco Raparelli

Museion, Media Facade, Marco Raparelli, Foto Othmar Seehauser

05/09/2013 - 05/09/2013

Nuovo ciclo di proiezioni per la facciata mediale di Museion. “A Line Describing the Surface” - una linea che descrive una superficie: come racconta il titolo, la rassegna 2013 curata da Frida Carazzato, è dedicata al segno grafico. Partendo da un’analogia tra pelle e carta, la matita di quattro artisti interviene con video inediti su quella che è la “pelle” di Museion, la facciata, fatta di vetro e luce.

Il titolo del ciclo prende ispirazione da un’opera dell’artista inglese Anthony McCall’s (A Line Describing a Cone) e dalle sue installazioni di linee di luce nello spazio espositivo. A descrivere la superficie di Museion da giugno a settembre saranno invece le linee degli artisti Ian Tweedy, Brigitte Mahlknecht, Ciprian Muresan e Marco Raparelli.

 

Giovedì 5 settembre
ore 21 artist talk con
Marco Raparelli

ore 22 proiezione del video sulla facciata mediale di Museion, lato Talvera.

Il video verrà proiettato anche nei giorni 12, 19 e 26 settembre dalle ore 22 alle 24.

Facciata mediale con Marco Raparelli

Di sera le facciate di Museion fungono da superfici per la proiezione di opere d'arte e offrono una visione insolita, di grande suggestione.

26/09/2013 - 26/09/2013

Nuovo ciclo di proiezioni per la facciata mediale di Museion.
“A Line Describing the Surface” - una linea che descrive una superficie: come racconta il titolo, la rassegna 2013 curata da Frida Carazzato, è dedicata al segno grafico. Partendo da un’analogia tra pelle e carta, la matita di quattro artisti interviene con video inediti su quella che è la “pelle” di Museion, la facciata, fatta di vetro e luce.

Il titolo del ciclo prende ispirazione da un’opera dell’artista inglese Anthony McCall’s (A Line Describing a Cone) e dalle sue installazioni di linee di luce nello spazio espositivo. A descrivere la superficie di Museion da giugno a settembre saranno invece le linee degli artisti Ian Tweedy, Brigitte Mahlknecht, Ciprian Muresan e Marco Raparelli.


Ore 22 proiezione del video di Marco Raparelli sulla facciata mediale di Museion, lato Talvera.

Il video verrà proiettato dalle ore 22 alle 24.

Facciata mediale con Marco Raparelli

Di sera le facciate di Museion fungono da superfici per la proiezione di opere d'arte e offrono una visione insolita, di grande suggestione.

19/09/2013 - 19/09/2013

Nuovo ciclo di proiezioni per la facciata mediale di Museion. “A Line Describing the Surface” - una linea che descrive una superficie: come racconta il titolo, la rassegna 2013 curata da Frida Carazzato, è dedicata al segno grafico. Partendo da un’analogia tra pelle e carta, la matita di quattro artisti interviene con video inediti su quella che è la “pelle” di Museion, la facciata, fatta di vetro e luce.

Il titolo del ciclo prende ispirazione da un’opera dell’artista inglese Anthony McCall’s (A Line Describing a Cone) e dalle sue installazioni di linee di luce nello spazio espositivo. A descrivere la superficie di Museion da giugno a settembre saranno invece le linee degli artisti Ian Tweedy, Brigitte Mahlknecht, Ciprian Muresan e Marco Raparelli.


Ore 22 proiezione del video di Marco Raparelli sulla facciata mediale di Museion, lato Talvera.

Il video verrà proiettato anche il 26 settembre dalle ore 22 alle 24.

Facciata mediale con Marco Raparelli

Di sera le facciate di Museion fungono da superfici per la proiezione di opere d'arte e offrono una visione insolita, di grande suggestione.

12/09/2013 - 12/09/2013

Nuovo ciclo di proiezioni per la facciata mediale di Museion. “A Line Describing the Surface” - una linea che descrive una superficie: come racconta il titolo, la rassegna 2013 curata da Frida Carazzato, è dedicata al segno grafico. Partendo da un’analogia tra pelle e carta, la matita di quattro artisti interviene con video inediti su quella che è la “pelle” di Museion, la facciata, fatta di vetro e luce.

Il titolo del ciclo prende ispirazione da un’opera dell’artista inglese Anthony McCall’s (A Line Describing a Cone) e dalle sue installazioni di linee di luce nello spazio espositivo. A descrivere la superficie di Museion da giugno a settembre saranno invece le linee degli artisti Ian Tweedy, Brigitte Mahlknecht, Ciprian Muresan e Marco Raparelli.
 

Ore 22 proiezione del video di Marco Raparelli sulla facciata mediale di Museion, lato Talvera.

Il video verrà proiettato anche nei giorni 19 e 26 settembre dalle ore 22 alle 24.

Facciata mediale con Ciprian Muresan

Di sera le facciate di Museion fungono da superfici per la proiezione di opere d'arte e offrono una visione insolita, di grande suggestione.

29/08/2013 - 29/08/2013

Nuovo ciclo di proiezioni per la facciata mediale di Museion.
“A Line Describing the Surface” - una linea che descrive una superficie: come racconta il titolo, la rassegna 2013 curata da Frida Carazzato, è dedicata al segno grafico. Partendo da un’analogia tra pelle e carta, la matita di quattro artisti interviene con video inediti su quella che è la “pelle” di Museion, la facciata, fatta di vetro e luce.

Il titolo del ciclo prende ispirazione da un’opera dell’artista inglese Anthony McCall’s (A Line Describing a Cone) e dalle sue installazioni di linee di luce nello spazio espositivo. A descrivere la superficie di Museion da giugno a settembre saranno invece le linee degli artisti Ian Tweedy, Brigitte Mahlknecht, Ciprian Muresan e Marco Raparelli.

 

Ore 22 proiezione del video di Ciprian Muresan sulla facciata mediale di Museion, lato Talvera.

Il video verrà proiettato dalle ore 22 alle 24.

Facciata mediale con Ciprian Muresan

Di sera le facciate di Museion fungono da superfici per la proiezione di opere d'arte e offrono una visione insolita, di grande suggestione.

22/08/2013 - 22/08/2013

Nuovo ciclo di proiezioni per la facciata mediale di Museion.
“A Line Describing the Surface” - una linea che descrive una superficie: come racconta il titolo, la rassegna 2013 curata da Frida Carazzato, è dedicata al segno grafico. Partendo da un’analogia tra pelle e carta, la matita di quattro artisti interviene con video inediti su quella che è la “pelle” di Museion, la facciata, fatta di vetro e luce.

Il titolo del ciclo prende ispirazione da un’opera dell’artista inglese Anthony McCall’s (A Line Describing a Cone) e dalle sue installazioni di linee di luce nello spazio espositivo. A descrivere la superficie di Museion da giugno a settembre saranno invece le linee degli artisti Ian Tweedy, Brigitte Mahlknecht, Ciprian Muresan e Marco Raparelli.

 

Ore 22 proiezione del video di Ciprian Muresan sulla facciata mediale di Museion, lato Talvera.

Il video verrà proiettato anche il 29 agosto dalle ore 22 alle 24.

Facciata mediale con Ciprian Muresan

Di sera le facciate di Museion fungono da superfici per la proiezione di opere d'arte e offrono una visione insolita, di grande suggestione.

15/08/2013 - 15/08/2013

Nuovo ciclo di proiezioni per la facciata mediale di Museion.
“A Line Describing the Surface” - una linea che descrive una superficie: come racconta il titolo, la rassegna 2013 curata da Frida Carazzato, è dedicata al segno grafico. Partendo da un’analogia tra pelle e carta, la matita di quattro artisti interviene con video inediti su quella che è la “pelle” di Museion, la facciata, fatta di vetro e luce.

Il titolo del ciclo prende ispirazione da un’opera dell’artista inglese Anthony McCall’s (A Line Describing a Cone) e dalle sue installazioni di linee di luce nello spazio espositivo. A descrivere la superficie di Museion da giugno a settembre saranno invece le linee degli artisti Ian Tweedy, Brigitte Mahlknecht, Ciprian Muresan e Marco Raparelli.

 

Ore 22 proiezione del video di Ciprian Muresan sulla facciata mediale di Museion, lato Talvera.

Il video verrà proiettato anche nei giorni 22 e 29 agosto dalle ore 22 alle 24.

Pagine